Piessefarma | Attenzione dei consumatori verso gli integratori.
477
post-template-default,single,single-post,postid-477,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.4.1,popup-menu-slide-from-left,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Attenzione dei consumatori verso gli integratori.

Attenzione dei consumatori verso gli integratori.

L’atteggiamento verso i cosiddetti integratori-nutraceutici è molto cambiato in questi anni recenti, fondamentalmente per un insieme di fattori concatenati:
a) l’emergere di una visione “nutraceutica” a partire dal termine e dalla definizione coniati da Stephen De Felice nel 1989 [1] e dal conseguente concetto di “biotrattamento [2, 3];
b) la mole crescente di dati pubblicati relativi a studi condotti secondo protocolli con disegno sul tipo di quelli in uso per i farmaci;
c) la redazione e pubblicazione di testi scientifici, inclusi libri di rilevante importanza, di linee guida, di position paper, di white paper e di expert opinion panel;
d) la fondazione di molte start-up dedicate specificamente agli integratori e l’ingresso anche delle grandi aziende del farmaco nel settore degli integratori stessi;
e) l’attenzione di varie ed importanti Aziende leader nel settore alimentare per la nuova branch degli integratori;
f) l’attenzione del pubblico, dei Media ed anche dei consumatori a questo settore legato al benessere ed alla salute.